loading

Chi siamo

La Regione Puglia, al fine di garantire la gestione unitaria dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari, ha istituito con Legge Regionale n 19/2006 gli Ambiti Territoriali, ovvero raggruppamenti di Comuni che corrispondono alle circoscrizioni territoriali dei distretti sociosanitari.

L’Ambito Territoriale svolge i seguenti compiti:

  • organizza e promuove la gestione associata degli interventi e dei servizi socio-assistenziali, anche attraverso la collaborazione e l’integrazione tra i Comuni e il Distretto Socio-Sanitario;
  • predispone e attua la pianificazione sociale territoriale mediante la redazione del Piano Sociale di Zona.

Il Piano Sociale di Zona, nell'ambito degli indirizzi del Piano regionale delle politiche sociali, definisce i servizi e gli interventi essenziali e prevede le modalità per far fronte alle situazioni di emergenza sociale.

Il Piano sociale di zona ha durata triennale ed è definito dai Comuni singoli o associati, d'intesa con le Aziende unità sanitarie locali (AUSL), sulla base delle indicazioni del Piano regionale e della concertazione tra i diversi livelli istituzionali e le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, gli organismi di rappresentanza del volontariato e della cooperazione sociale, gli ordini e le associazioni professionali, le associazioni di categoria, le associazioni delle famiglie e degli utenti della Regione Puglia.

Il Piano Sociale di zona, adottato con accordo di programma, ai sensi dell’art. 10 della Legge Regionale n. 19/2006 definisce:

  1. il sistema locale degli interventi e dei servizi sociali garantendo i livelli essenziali delle prestazioni e provvedendo alla localizzazione dei servizi;
  2. gli obiettivi strategici e le priorità d'intervento, nonché gli strumenti e le risorse per la loro realizzazione;
  3. le modalità organizzative dei servizi, le risorse finanziarie strutturali e professionali, i requisiti di qualità;
  4. le modalità di rilevazione dei dati nell'ambito del sistema informativo dei servizi sociali, le procedure e gli strumenti per la rendicontazione economica del Piano di zona e per il monitoraggio e la valutazione delle attività e dei risultati conseguiti nell'ambito del Piano di zona;
  5. le modalità per garantire l'integrazione tra servizi e prestazioni;
  6. le modalità del coordinamento con gli organi periferici dell'amministrazione scolastica, penitenziaria e giudiziaria;
  7. le modalità per la collaborazione dei servizi territoriali con i soggetti attuatori;
  8. le forme di collaborazione con le Aziende USL per la realizzazione dell'integrazione socio-sanitaria, nonché i criteri di ripartizione della spesa;
  9. gli interventi e i servizi socio-assistenziali per i quali appare ottimale un livello di organizzazione sovra-ambito, individuando gli enti gestori tra le istituzioni pubbliche con competenze sovracomunali e dotate di autonomia gestionale, concorrendo alla definizione progettuale degli stessi interventi e attribuendo le risorse economiche corrispondenti;
  10. il coordinamento per l'integrazione con tutte le politiche che mirano al benessere delle persone e alla qualità della vita;
  11. le iniziative di formazione e di aggiornamento degli operatori;
  12. le forme e le modalità di partecipazione dei cittadini e degli utenti alla programmazione e al controllo della qualità dei servizi. 

Questo Ambito è costituito dai Comuni di Conversano, Monopoli, Polignano a Mare e dal Distretto Socio Sanitario N. 12 di Conversano.

Il Comune di Conversano svolge la funzione di Comune Capofila ed ha la responsabilità amministrativa, di gestione e di rendicontazione delle risorse economiche secondo gli indirizzi impartiti dal Coordinamento Istituzionale.

Pubblicato il 29 febbraio 2016

PIANO SOCIALE DI ZONA 2014-2016